Giancarlo Morelli

Distanziamento sociale
Collage analogico
20,5×20,5 cm, 2020

Giancarlo Morelli è nato a Genova.

Frequenta il corso di studi ad indirizzo Etno-Antropologico presso la Facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Genova. Si laurea in Etnologia con una tesi sulla sottocultura techno, lavoro sperimentale e sul campo, successivo alla ricerca interuniversitaria CNR (Pisa, Bologna, Genova) sul tema “Il fenomeno delle discoteche nelle aree di economia turistica in Italia. Un sistema economico e un modello nella società del loisir”, dove partecipa in veste di consulente antropologo. Un master in gestione sviluppo risorse umane e la certificazione di DSA Homework Tutor presso il Centro Studi Erickson, arrichiscono e completano la sua formazione umanistica.

Socialism
Collage analogico
21×29 cm, 2018

Nei primissimi anni Ottanta entra a far parte dell’Orchestra Nova di S. Margherita Ligure, partecipando per svariati anni al “Convegno delle corali liguri” e ad altre importanti manifestazioni a livello artistico e culturale. La viscerale e profonda passione per la musica lo porterà negli anni a suonare con alcune band, realizzare programmi radiofonici, organizzare concerti, fare il Dj, lavorare per MTV e per l’Associazione Psyco di Genova, organizzatrice del GoaBoa Festival.

Legami
Collage analogico
21×29 cm, 2018

Dall’estate 2017 si dedica al collage analogico. Segue alcune linee guida per realizzare i suoi lavori: non scaricare nulla dal web, lavorare solo in analogico e con materiali trovati o avuti in regalo. Vive e lavora tra Genova e Santa Margherita Ligure

Vi confido però una cosa: il collage mi ha “salvato” da un momento difficile della mia vita. Disoccupazione e fine di una relazione sentimentale non rappresentano un bel mix, soprattutto se la situazione si ripresenta per l’ennesima volta e a 44 anni. Mi sono ritrovato in casa, da solo, e i casi erano almeno due: o mi “sparavo” o facevo qualcosa. Ho iniziato a ritagliare parole, frasi, ad incollare e confessare stati d’animo, cercando di esorcizzare paure e vissuti negativi. Poi sono arrivate le immagini, piano piano, ma mancava il materiale. Non ho mai pensato al digitale quindi bisognava trovare una soluzione. A quel punto qualsiasi cosa andava bene, dal depliant del supermercato a cataloghi, cercando di raccogliere in casa ed in giro quante più riviste possibili.

Tuffati
Collage analogico
20x27cm, 2019

In pratica ho cominciato a “cucinare” con quello che trovavo in dispensa. E la metafora calza a meraviglia perchè i miei primi collage li ho realizzati proprio su un tagliere da cucina, quello dove di solito si fa il soffritto, un vecchio tagliere, credo di melamina, trovato nella casa dove sono in affitto. A colpi di cutter, unico strumento all’epoca utilizzato, il tagliere è diventato ben presto impraticabile a causa degli innumerevoli solchi. La scoperta dell’esistenza dei tappetini da taglio e dei bisturi è stata la svolta. Il taglio si è fatto sempre più preciso, potendo utilizzare anche carte sottili e quindi più delicate e sensibili. E’ iniziato così un vero e proprio viaggio all’interno del mondo del collage, scoprendo piacevolmente quanto fosse popolato da una miriade di artisti sparsi per il globo, tutti diversi, da cui imparare e trarre ispirazione. I miei lavori sono sempre a strati, c’è sempre volente o nolente un approccio multilivello che va dall’autobiografico ad una sorta di denuncia sociale sempre presente. Credo che sia necessario sempre comunicare e stimolare riflessioni anche in modo duro, ironico e sarcastico.

Divinitá contemporanee: il Dio “Nessuno”, Signore di tutti i mari, perchè in fondo, in fondo siamo tutti sulla stessa barca Collage analogico
19×27 cm, 2018

Oggi cerco sempre di più la semplicità degli accostamenti, senza il bisogno di riempire troppo i lavori essendo venuta meno l’ansia da prestazione dei primi tempi. Che altro aggiungere. Una volta una curatrice a cui sono rimasto affezionato mi scrisse: “non smettere mai di fare collage”. Ecco, spero sarà così e di non deluderla.

Happiness
Collage analogico
29×20 cm, 2020
Ci sono solo due lasciti inesauribili che dobbiamo sperare di trasmettere ai nostri figli: delle radici e delle ali
H. Carter

PRINCIPALI ESPOSIZIONI PERSONALI E COLLETTIVE

2020 OLTRE I CONFINI – Cella Art & Communication, Santa Margherita Ligure, curated by Barbara Cella

2019 LUCID DREAMS – Red Cat Tatoo & Art Gallery, Genova, curated by Red Cat Tatoo 

2019 OPEN – Fondazione Garaventa, Genova, curated by Fondazione Garaventa

2019 DIGITAL HUMANITY – Paratissima 2019, Fabbrica del Vapore, Milano, curated by Direzione Artistica Paratissima

2019 LA PIU’ NUDA DEL REAME – Galleria Il Diaframma, Milano, curated by Flavio Lattuada

2019 ARTEGENOVA – Mostra mercato d’Arte Moderna e Contemporanea, Genova, Stand Fondazione Garaventa

2018 COLLAGES AT AN EXHIBITION – Castello di Nervi, Genova, curated by Fondazione Garaventa

2018 LUPUS IN FABULA – Paratissima 2018, Caserma La Marmora, Torino, curated by Elisa Muscatelli & Carolina Marchigiani

2018 CONCRETA SPIRITUALITA’ – Ossimoro Art & Tecnology Rooms, Torino, curated by Cinzia Sauli

2018 ABSTRACT COLOUR – Palazzo Saluzzo, Genova, curated by CAD/Loredana Trestin 

2018 IL PURGATORIO & FRIENDS – Mostra d’arte in movimento / Moving art Show, Camo/Dogliani/Torino/Somano, curated by Claudio Lorenzoni

2018 LUNGO IL CONFINE – Teatro LUX, Pisa, curated by FUCO Fucina Contemporanea

2018 ARTEGENOVA – Mostra mercato d’Arte Moderna e Contemporanea, Genova, Stand Fondazione Garaventa

2017/2018 RUDOLPH – Castello di Nervi, Genova, curated by Fondazione Garaventa

PREMI, FIERE & PUBBLICAZIONI 

Paratissima 2019 – Art Production Prize (winner)

Catalogo Paratissima Talents 2019

CARIE (SPECIALE 2 dedicato al collage) – Illustrato il racconto “Il mio dentista” di Andrea Serra Catalogo Paratissima 2018

ALESSIA RAMUSINO – IRIS FIELDS, realizzato copertina disco

CONTATTI

Facebook

https://www.facebook.com/giancarlomorellicollage/

Instagram

www.Instagram.com/giancarlomorellicollage/

Soundcloud

https://soundcloud.com/edta-73

Mixcloud

https://www.mixcloud.com/MrToulouse/